locale / globale
>>>
relazioni politiche, dal quartiere al mondo
2002
> maggio/
settembre

> ottobre
> novembre

> ARCHIVIO
dicembre



30 dicembre 2002
Sono preoccupata: devo salvare il mondo?
Alla fine dell’Anno, si fanno sempre un po’ i conti. Per le donne le cose sembra non vadano male. Anzi. Vanno tanto bene che c’è quasi da preoccuparsi.
Cominciamo dal riconoscimento alle “persone dell’anno“. Sono tre donne “le accusatrici per fini morali“

> continua


17 dicembre 2002
Colombia: un bikini contro la guerra
I calendari che hanno per protagoniste belle signore e signorine nude o poco vestite (top model, attrici, ma anche simpatiche vicine di casa) sono diventati di gran moda e non solo in Europa. Tanto che il presidente colombiano Alvaro Uribe ha pensato di potersene servire per realizzare una campagna promozionale fatta di poster e calendari pieni di donne in micro-bikini e invitare così i guerriglieri a disertare le loro attività terroristiche.
> continua


10 dicembre 2002
L'orrore dell'infibulazione
e l'illusione della legge

E’ partita da Roma la campagna internazionale di Aidos (Associazione italiana donne per lo sviluppo), Non c’è Pace Senza Giustizia e Tamwa. Si chiama Stop Fgm (Stop Female Genital Mutilation). Vuole contribuire alla lotta per sradicare la pratica delle mutilazioni dei genitali femminili.
> continua


9 dicembre 2002
Cambridge, Atene, Madrid: che scandalo le ambizioni femminili
E i Democratici americani si affidano a Nancy Pelosi per la rivincita

Una donna dopo ottocento anni al vertice dell'università inglese. Si chiama Dora Bakoyanni la prima cittadina di Atene. Ma l'ambizione femminile ha ancora bisogno di giustificazioni. Intanto, dal gennaio del 2003, quando si insedierà il 108esimo Congresso degli Stati Uniti d’America, sarà una donna, madre di cinque figli e nonna di cinque nipoti, a incarnare il nome e il volto dell’opposizione democratica alla Camera dei rappresentanti: Nancy Pelosi, italoamericana, deputata della California dal 1987, esponente tra le più coerenti dell’ala cosiddetta “liberal” dei Democratici
> continua