locale / globale
>>>
relazioni politiche, dal quartiere al mondo
2002
> maggio/
settembre

> ottobre
> novembre
> dicembre

2003
> gennaio
> febbraio
> marzo
> aprile
> maggio
> giugno
> luglio
> agosto
> settembre
> ottobre
> dicembre

2004
> gennaio
> febbraio
> marzo
> maggio
> giugno
> luglio
> agosto
> settembre
> ottobre
> novembre

2005
> febbraio
> marzo
> aprile
> maggio
> giugno
> luglio
> settembre
> ottobre

> ARCHIVIO
novembre



25 novembre 2005
Ti picchio così ti cancello
La violenza sulle donne è oggi l’unico dato che accomuna gli uomini del pianeta. Io l’immagino così: alla sera, tornando a casa, un maschio su cinque (questo il numero delle donne nel mondo che subisce uno stupro, mentre una su tre viene picchiata dentro le mura di casa) toglie il suo copricapo musulmano, il cappello da travet, lo zucchetto da ebreo, il copricapo di maglia che copre i dredlock rasta, e diventa improvvisamente uguale all’altro fratello del mondo

> continua


7 novembre 2005
Al Parlamento e ai partiti: legge elettorale
e programmi non rimuovano la forza femminile

Siamo stanche, e stanchi, del sentimento di desolazione che proviamo di fronte alla parata dei politici, tutti e sempre maschi, che si autorappresenta dovunque. Un sentimento che non ha nulla a che fare con la rivendicazione corporativa di posti, magari per il ristretto gruppo di donne che fanno politica nelle istituzioni.
> continua




> torna in alto <