locale / globale
>>>
relazioni politiche, dal quartiere al mondo
2002
> maggio/
settembre

> ottobre
> novembre
> dicembre

2003
> gennaio
> febbraio
> marzo
> aprile
> maggio
> giugno
> luglio
> agosto
> settembre
> ottobre
> dicembre

2004
> gennaio
> febbraio
> marzo
> maggio
> giugno
> luglio
> agosto
> settembre
> ottobre
> novembre

2005
> febbraio
> marzo
> aprile
> maggio
> giugno
> luglio
> settembre
> ottobre
> novembre
> dicembre
2006
> gennaio
> febbraio
> marzo
> aprile
> maggio
> giugno
> luglio
> agosto

> ARCHIVIO
settembre



18 settembre 2006
La violenza contro le donne ci riguarda:
prendiamo la parola come uomini
Assistiamo a un ritorno quotidiano della violenza esercitata da uomini sulle donne. Con dati allarmanti anche nei paesi “evoluti” dell’Occidente democratico

> continua


18 settembre 2006
Fede e ragione secondo Ratzinger
e la tortura che diventa trendy

Non sono convinta che a sospingere le parole di Benedetto XVI sia “un forte vento di medioevo“. Provo a discuterne con Piero Sansonetti, che ha commentato su Liberazione gli interventi del Papa in Baviera,

>
continua


12 settembre 2006
Ma la libertà ci obbliga all’imprudenza?
O forse all'irragionevolezza?

Non varrebbe la pena di tornare sull’accusa di “imprudenza“ rivolta dal prefetto di Roma Achille Serra alle ragazze francesi che hanno accettato un passaggio offerto da due sconosciuti alla stazione di Milano, se non fosse per la reazione che ne è seguita da parte di alcune donne: questo prefetto vuole negare la libertà conquistata.

La liberazione più difficile
Quella maschile
Pubblichiamo un articolo di Lorenzo Di Santo apparso sul quotidiano "Il Centro" di Pescara, dove Di Santo ha organizzato un dibattito su potere e sessualità al quale hanno partecipato Lidia Menapace, Gennaro Migliore e Alberto Leiss
>
continua



7 settembre 2006
Peccato di informazione
A volte, più dei terribili fatti di cronaca nera, colpisce la strumentalizzazione di commenti e cronache legati ai fatti stessi.

Voi maschi potreste anche parlare
E noi schierarci con Kaur e Hina

Questa rubrica è uscita du "Europa" del 6 settembre 2006
Allo stupro omofobico e/o fascista (vedi Viareggio); al più comune e nascosto stupro familiare; allo stupro discotecaro e a quello turistico se ne è aggiunto un altro, definito etnico perché compiuto da immigrati.

>
continua

2 settembre 2006
Il "silenzio delle femministe"
e la schizofrenia di uomini e media

Se la bordata di articoli che criticano “il silenzio delle femministe“ continua, tra poco lo stupro, la violenza, il disprezzo del corpo e della mente femminile dipenderanno dalle donne che non sono scese in piazza.
> continua




> torna in alto <